Questo blog è dedicato alla professoressa di letteratura italiana e latina, Loredana Rossi Molinaro, donna di grandissima cultura ed infinita umanità.

22/02/19

Terremoto in Equador

Alle ore 11:17 (ora italiana) si è verificato un terremoto di magnitudo 7,5 a 115 km a sud est di Palora (Equador). L'epicentro (icona verde) dista circa 3230 km da una delle zone a maggior rischio sismico della terra, come segnalato dal mio modello matematico.

17/02/19

Terremoto in Papua Nuova Guinea

Alle ore 15:35 (ora italiana) si è verificato un terremoto di magnitudo 6,4 a 47 km a nordovest di Namatanai (Papua Nuova Guinea). L'epicentro (icona verde) dista circa 90 km dalla zona a maggior rischio sismico individuata dal mio modello.

14/02/19

Senza destino (pt. 1)

'Na mattina me so ritrovato dentro a 'na stanzetta de tre metri pe' ddue. Stavo sdraiato su 'n materasso messo sopra na rete del letto, quelle de fero co' le quattro zampe sardate.
C'era 'na sedia de fero laccata bianca, n'armadietto griggio a du' ante, na finestrella piccola co' le grate de fori e 'na porta senza manija.
'Na lampada ar neon, de quelle lunghe e rettangolari che se vedeno drento l'ospedali mannava 'na luce bbianca innaturale.
Ho provato a arzamme ma me ggirava a testa come doppo na sbornia de vino de li castelli. C'avevo puro 'na bocca amara comme er fiele e 'n gran senzo de vommito.
Me so accorto che ai piedi c'avevo ancora le scarpe, ma senza li lacci e li pantaloni nun c'avevano più la cinta.
Me feci forza, me misi a sede sur letto: la stanza me ggirava attorno comme na trottola. Doppo quarche minuto me arzai, tenendome li carzoni co na mano che me calaveno pe' tera.
Ho provato a apri' a porta ma nun cerano manije: e allora me so messo a grida': "Aprite! Aprite! C'è nessuno dall'artra parte?"
Nun so si passo' 'n minuto o puro n'ora ma doppo 'n po' sentii er rumore daa serratura che girava. Aretrai d'istinto e me rimisi a sede sur materasso.
Entrò 'n signore cor camice bianco, 'n omo distinto sulla cinquantina. Me guardò co' l'occhi de chi te sta a fa' 'na radiografia e disse co 'na voce 'n po' nasale:
"Come si sente?"
"Me ggira tutto." risposi io co a bocca 'mpastata.
"E' normale." rispose l'omo in camice. E mentre je stavo ppe chiede ndove me trovassi lui m'anticipo': "Può dirmi come si chiama?".
Come me chiamo. E' 'na domanna facile in situazioni normali. Provai a penzacce, me guardai li vestiti e le mani ma gnente, nun me veniva gnente.
"Sa almeno dirmi in quale città vive?", continuò l'omo. Feci caso che stavo a penza' in romanesco e allora me convinsi a dije: "A Roma, me sa'!"
"Non ne è sicuro, quindi?"
"Che je devo da di, so' confuso."
L'omo cor camice fece er gesto de arzasse e anna' via. Allora reaggii de scatto e je chiesi: "Ma, scusi, se po' sape' 'ndo sto? E che m'e successo?"
"Lei è al Centro di Igiene Mentale di Civitavecchia. E' stato trovato in stato confusionale mentre percorreva a piedi la via braccianese, senza documenti e senza telefonino. Ha mostrato segni di aggressività agli agenti di polizia che l'hanno fermata e per questo è stato ricoverato qui, sotto la mia tutela. Io sono il Direttore Sanitario, stiamo vagliando tutte le richieste di ricerca di persone scomparse. Per la sua incolumità dovrà stare in questa stanza, almeno finché non passeranno gli episodi confusionali maggiori. Cerchi di riposare. Passerò tra qualche ora."
Come tra quarche ora? Come in stato confusionale? Er dottore uscì e chiuse a porta. Io cominciai a grida': "Fateme esci! Vojo anna' a casa! Aprite a porta 'nfami!"
Già ma a casa dove? Qual era l'indirizzo de casa mia? E chi c'avrei avuto a aspettamme?
Me prese 'no sconforto grosso come 'na casa, le gambe me se piegareno e caddi ppe' tera. Svenuto.

[CONTINUA]

Er monno.

Quante fregnacce c'hanno riccontato li preti. C'hanno detto che bisogna esse bboni, pazzienti e onesti. Che ppoi er premio ariverà quanno morimo, quanno ar cospetto der barbuto San Pietro, veremo disposti in due file: quelli bboni da na' parte, quelli cattivi dall'artra.
Poi ariva er giorno che mori e te renni conto che diventi a porvere che eri prima de nasce. E te la sei pres 'n saccoccia du vorte.
No, er monno nun è ppe li fregnoni, ppe l'artuisti. Er monno, semplicemente, segue e regole daa natura dove sopravvive e se evorve la specie che s'adatta mejo, no quella più gentile e educata.
Er monno è fatto ppe chi ppe primo sa fiuta' er vento 'ndo tira, sa coje mejo dell'arti le opportunità, e magari c'ha puro 'n ber bucio de culo.
Sì perché si nasci en Burkina Faso poi esse intelliggente e furbo quanto te pare ma sempre de fame te mori.
A natura ce fa nasce ppe procrea', mejo se co' più persone e de razze diverse, così la specie se fortifica e le probbabilità de mijora' li ggeni aumenteno.
Poi, na vorta che c'ha spremuto geneticamente come limoni, ce fa 'n bell'inchino e ce dice de tojece da li cojoni. Se dovemio toje de mezzo pe fa spazzio a chi c'ha il geni mejo de li nostri. E la specie campa.
Questo è er monno, nun v'accapijate ppe trova er senzo urtimo daa vita. Nun 'cè gnente da capì. Semo solo spermatozzoi che crescheno fori dall'ovo e se devono da da fa riprodurre a specie. Tutto er resto, le religgioni, a filosofia, a metafisica so tutte fregnacce create ppe tenecce sottomessi e facce crede che pe' riscote er premio prima dovemio da mori'.
Quinni pensatece bbene: la vita è una sola e, soprattutto, nun ve l'ha regalata nissuno. E' robba vostra e dura meno de quanto sperate.
Nun vale la pena rovinassela ppe gnente e ppe nessuno. Date retta a 'n cojone che ormai la sua l'ha buttata ar cesso.

10/02/19

Si rinasco

Nun je la fo' manco a scrive
da quanto so' 'ncazzato.
Ce ll'ho cor monno intero
e co' sta rabbia che m'aritrovo drento
che nun riesco a domina'.
Pore sedie, pori muri,
quanti carci ve sete pijati
voi, corpevoli solo de capitamme davanti
ner momento sbajato.
Ma sto a scoppia' come 'n pallone
che nun sa più 'ndo deve anna' 
pe' sfogasse da tutte le rotture de' cojoni.
A casa mia è mejo che 'nce guardo.
Stamo tutti male, de corpo e de cervello.
E' 'n viavai de' medici e de' visite
che manco a li bonvecchioni.
Sur lavoro è mejo stenne 'n velo pietoso,
che se c'aripenso a come so stato trattato
st'urtimi venti anni me verebbe voja 
de fa' 'n corpo de Stato.
E 'nvece m'aritrovo drento casa, rincojonito de gocce
e che parlo a monosillabi
pe' nun sfascia' l'urtimi suppellettili rimasti sani.
La corpa sarà stata pure mia
che nun so stato abbastanza furbo
da capi' come tira er vento der monno.
M'ero convinto che abbastava studia'
ed esse bravo pe' riusci' a ottene' quarcosa.
Pensa che stronzo.
Ma puro tanta ggente, volente o nolente, m'ha rifilato le peggio sole der monno. 
E ora a tutti l'omini e agli dei che m'hanno fregato ner corso della vita me sia concesso de tiraje 
un bell'"anima de li mortacci vostri" de tutto core.
E spero che je arivi drento dalle frogie der naso 
fino alli pormoni, pe' poi esplode drento ar fegato.
Così se 'mperano a magnasselo come faccio io da quanno so' nato.
E mo' lassateme fini' co na considerazione: se rinasco vojo rinasce er peggio fijo de 'na mignotta, de quelli che quanno l'incontri cambi strada pe' paura che te cambieno li connotati.
Si rinasco nun vojo nasce più fregnone e nimmanco sfortunato.
Perché si rinasco nun vojo più soffri' e me la vojo gode' sta vita 'nfame che tutti me dite che è bella ma la vostra nun la scambiate mai co la mia.

Vorrei essere

Vorrei essere chiunque altro ma non io.
Vorrei essere la musica che non ho cantato e gli strumenti che non ho mai suonato.
Vorrei essere il coraggio che non ho avuto e la sicurezza che mi è mancata.
Vorrei essere le porte che non ho mai sbattuto e le strade che non ho mai calpestato.
Vorrei essere gli slogan che non ho mai urlato e le manganellate che non ho mai preso.
Vorrei essere i cinque in condotta mai ricevuti e le sospensioni mai prese.
Vorrei essere le canne che non ho mai fumato e le sigarette che non ho mai spento.
Vorrei essere le labbra che non ho mai baciato e l'incoscienza che non ho mai avuto.
Vorrei essere il treno che non ho mai preso e la stazione da cui mai sono sceso,
Vorrei essere la libertà che non ho mai avuto e la vita che non ho mai vissuto.

07/02/19

Non diciamoci niente

Non chiedermi se io ti capisca, Andrea, quando salti perché sopraffatto dalle tue preoccupazioni. Sapessi quanti demoni danzano dentro i miei occhi, dal primo bagliore del giorno all'ultimo pensiero della notte.
Non chiederti se io ti giudichi, sarebbe come se rinnegassi me stesso. Non c'è alcuna indagine nei miei sguardi 
Non diciamoci niente, le nostre ferite parlano per noi. Abbiamo bisogno di essere amati, come due bambini. Protetti dal freddo della vita e dai crepacci della nostra follia

02/02/19

L'intelligenza

L'intelligenza ha molte sfaccettature. Ma essenzialmente è trovare la semplicità nelle cose complesse, arrivare al cuore dei problemi senza inutili orpelli, sapere ascoltare e, quando occorre, tacere.
L'intelligenza sa dare il giusto peso alle priorità essenziali della vita, cerca di adattarsi ai cambiamenti esterni ma, se li reputa dannosi, ne prende nettamente le distanze, senza clamori, con dignità.
L'intelligenza è il sano equilibrio tra il proprio ego ed il sapersi mettere in discussione, senza false modestie o inadeguate ambizioni.
L'intelligenza è saper vivere bene con se stessi e con gli altri, tollerando le differenze e tenendo a debita distanza le persone prive di alcun valore morale e che non hanno nulla da offrire agli altri in termini affettivi. Perché l'intelligenza sa stare in compagnia ma non teme la solitudine se la compagnia non è degna di essere frequentata.
L'intelligenza è merce rara e non dipende dal censo o dal grado di istruzione: è una qualità innata dell'intelletto e va coltivata e maturata con cura, che facilmente deperisce ed inaridisce. 
Ma chi non ce l'ha non se la potrà mai dare.

Abbassate le penne

Non fate gli altezzosi. Se la gente inizia a sminuire il valore dei laureati è perché troppo spesso si sono messi al servizio del peggior offerente. In Italia c'è un grosso problema: l'indipendenza della cultura e della scienza dalla politica. Se un economista, pur di far piacere al politico di turno, afferma tesi che fanno rivoltare sulla tomba Keynes e Ricardo non possiamo poi lamentarci se la fiducia nei confronti dei laureati e delle lauree va verso i minimi storici.
Non parliamo poi degli statistici che manipolano i campioni per far vincere le elezioni virtuali a chi commissiona loro i sondaggi.
Né si può tacere la folta categoria dei letterati (dai filosofi agli scrittori) che si mettono in fila per mendicare una prebenda dal potente editore contiguo col partito e che tesserebbero le lodi anche di Hitler pur di una comparsata in TV o la pubblicazione di un libro.
La laurea, signori miei, non è un punto di arrivo: è un seme che si getta nel terreno e che, per farlo germogliare, ha bisogno di cure, studi e sacrifici continui. Ve lo dice uno che, a distanza di trenta anni dalla laurea in statistica, ancora si mette a fare la dimostrazione del teorema dei minimi quadrati per non perdere l'allenamento.
Se svilite i vostri anni di studio per fare i servi di un potente o di una multinazionale è giusto che veniate derisi anche da chi ha fatto solamente la terza media.
Chi merita più rispetto, secondo voi, la "bocconiana" Fornero, pagata da altri per distruggere le pensioni dei lavoratori, o Lino Banfi che per anni è andato in giro in Africa, per conto dell'ONU, a ricordare a noi ricchi la povertà dei bambini di quel continente?
Dunque abbassate le penne e cercate di meritarvi la laurea che avete preso, ammesso che ancora vi ricordiate il corso di laurea che avete frequentato.

Terremoto in Indonesia

Alle ore 10:27 (ora italiana) del giorno 02/02/2019 si è verificato un terremoto di magnitudo 6,1 a 166 km a sudest di Muara Siberut, Indonesia. L'epicentro (icona verde) è situato a circa 90 km da una delle zone a più alto rischio sismico segnalate dal mio modello. Nei pressi dell'epicentro si sono verificati 4 terremoti di magnitudo uguale o superiore al sesto grado dal 1950 ad oggi. Si stima che il prossimo terremoto simile a quello odierno potrebbe iniziare a verificarsi nel 2036.

01/02/19

Terremoto in Messico

Alle ore 17:14 (ora italiana) del giorno 01/02/2019 si è verificato un terremoto di magnitudo 6,6 a 14 km a nordest di Puerto Madero, Messico.  L'epicentro (icona verde) si inserisce a metà strada tra due zone altamente sismiche, quella nicaraguense nei pressi di Managua e quella messicana della regione di Oaxaca.
Dal 1950 ad oggi, nella zona epicentrale si sono verificati 7 terremoti maggiori del sesto grado ma tutti al di sotto del settimo.
La zona potrebbe diventare "sismologicamente attiva" alla fine del 2028