Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2018

Er trasformista

Ai bei tempi de Berlinguer, er trasformista
se dichiarava convintamente e sinceramente comunista.
Poi arivò aa Milano da bbeve, co' Craxi, er sor Bettino,
e er trasformista divenne socialista dalla sera ar matino.
Quanno poi da Arcore Berlusconi arivò ar potere
er trasformista sulla destra cominciò a sedere.
Giunse infine Renzi, de Firenze er gran simpatico
e er trasformista anno' a iscrivese ar Partito Democratico.
Solo na cosa ar trasformista je sta antipatica a pelle
sopporta tutti meno che er Movimento Cinque Stelle.
Forse perché er monno intero, dar Cile alla Spagna,
sa che cor Movimento Cinque Stelle proprio 'n ce se magna.

Er collega

Er collega è uno tosto, uno che lavora sempre,
puro quanno lo pijeno a bastonate, nun je frega gnente.
J'hanno detto in tutti i modi de levasse da li cojioni
manca solo che lo pijeno a sassate o je spareno a pallettoni.
Lui se crede che, continuanno a lavora' mattina e sera,
er datore de lavoro se 'mpietosisce e lo toije dalla lista nera.
Ma quanno te sveji, dei servi sei 'n abborto:
t'hanno licenziato e nun te ne sei manco accorto.

Er manager

Er manager d'assalto penza d'esse un gran campione,
crede de sape' ffa tutto, dall'informatica all'aviazzione.
C'ha 'n ego smisurato e se veste come 'n paino
guarda tutti dall'arto 'n basso come 'n pariolino.
Sta sempre ar cellulare e s'affoga de riunioni
e 'ntanto li probblemi s'accatastano a mijoni.
Je piace circonnasse de ossequiante ggente
che je dice "bene, bravo!" pure si nun risolve gnente.
E quanno fa li danni, sovente e pure gravi,
ariva la chiamata dai suoi potenti avi
che arzanno la cornetta dicheno du parole
e drento l'azienduccia torna e risplenne er sole.
Poi j'ariveno li sordi, li premi e le promozzioni,
un modo come n'arto pe tojieselo da li cojioni.
Ma la musica nun cambia che già dar matino
ariva n'antro sponsorizzato, solo più cretino.

Er cretino

Er cretino raggiona co' la panza
c'ha poco cervello, poca sostanza.
Se vede 'na cosa storta urla, sbraita e sbotta
ma se la pija sempre co' chi l'aggiusta, mai co' chi l'ha rotta.

Er rivoluzzionario

Er rivoluzzionario sta sempre all'opposizzione
co' tutti li governi, a quarsiasi condizzione.
Che, in fonno, a sbraità se sta bbene
c'e sempre er vitalizzio ad annaqqua' le pene.
Se fanno le battaje sui massimi sistemi
ma 'n fabbrica nun ce vanno, mica so scemi.
E mo' che vie' Natale brindo a spumante e a panettone
a chi a capito tutto, er professionista dell'opposizzione.

Er fratello handicappato

Pe' tant'anni so' fuggito
volevo diventa' comme l'artri
'na moje bella
'n conto in banca
'na machina da fa 'nvidia a li vicini.
Tu eri 'n impiccio
nun parlavi
te dondolavi
me facevi vergogna'.
Poi 'na sera
a quarant'anni sonati
me s'è illuminato er core.
E allora me so' vergognato
ma sta vorta de me stesso
pe' avette lasciato solo tutti quell'anni.
T'ho abbracciato e t'ho baciato sulle guance
co' le lacrime che nun smettevano de scenne.
Lì per li nun hai capito, nun c'eri abbituato.
Poi m'hai soriso e m'hai puro perdonato.
Vorei perdonamme pure io
ma proprio nun gliela faccio.
Stamme vicino, angelo mio
che 'r fratello handicappato
so' solo io.

Li natali mia

Me manca a 500 de mi padre
che arancava fino ar centro de Roma
ppe portamme a vede' li presepi
co' l'acqua che scoreva drento li fiumi
ppe davero.
Le luminarie de via Condotti,
li callarostari
e li zampognari co e ciaramelle.
Me manca er bar "Alemagna"
a via der Corso
pieno de panettoni
(che li pandori staveno solo a Verona).
E li chioschi a piazza de Spagna
co' le vecchiette che vennevano
li bijetti daa lotteria de capodanno.
Co a speranza de pija' quello bbono.
E a caciara de piazza Navona,
er paradiso de noi regazzini,
tra nuvole de zucchero filato,
sordatini e fucili de Buffalo Bill.
Che ne sapete voi de li Natali
degli anni 60,
quanno er domani era pieno de sogni
e li fiji staveno mejio de li padri.

Tu puoi.

Perdonami Andrea,
non sono riuscito a proteggerti dai fantasmi che rendono la tua esistenza difficile da vivere. Non sono riuscito a scacciare le preoccupazioni sul futuro che ti fanno perdere il senso del reale. Non sono riuscito a farti dimenticare un passato brutto e senza sorrisi, pieno di silenzi e rabbia nascosta sotto le rughe del volto.
Sì, volevo salvarti, mi sono illuso di poterti salvare col solo amore, con le parole ed il ragionamento. Volevo farlo per farmi perdonare, per tutte le volte che ti ho deluso, per tutte le volte che ti ho lasciato solo. Per il non averti amato per lunghi anni, troppi.
Ma la malattia è più forte di me, di te, dell'affetto smisurato che ho nei tuoi confronti: è una cagna che mangia, che divora la forza di volontà; spegne il tuo sguardo, i tuoi pensieri, i ragionamenti.
Maledetta cagna bastarda.
Il Deniban l'ha messa a tacere, chissà per quanto. E in te s'è schiusa di nuovo la dolcezza dell'animo tuo. Ma io mi sento inutile, anzi d…