Passa ai contenuti principali

Depresso sarai tu!

Sì, mi sono lasciato andare. Ma vorrei vedere voi subire quello che ho vissuto io negli ultimi due anni e poi misurare le vostre reazioni.
Forse ho preso per depressione quella che invece è una dose massiccia e, per molti, letale di sfortuna, una roba che credo sia da guinness dei primati.
No, non iniziate a rompere i coglioni col vittimismo: ho prove concrete, fatti circostanziati dell'accanimento della sorte avversa nella mia vita. E passiamo all'elenco.
Ho un fratello malato di handicap psichico grave;
una madre cieca, diabetica e cardiopatica;
un padre ottantasettenne che non può più badare alla moglie ed al figlio come ha sempre fatto nel corso della sua vita;
ho subito una procedura di mobilità (licenziamento collettivo) da cui mi sono salvato a stento e sono in attesa di scoprire quali altre mosse si inventerà il mio datore di lavoro per mandarmi a casa. A cinquantasei anni. In Italia, paese noto per la facilità in cui si trova lavoro stabile.
E' una quantità di sfiga immorale per un uomo solo, ne converrete se ancora vi resta un briciolo di onestà intellettuale.
Ad un certo punto della mia vita mi sono persuaso di essere depresso, di vedere tutto nero, di essere preda di una folle esagerazione che esasperava la percezione degli eventi della mia vita.
Ma quale cazzo di esasperazione! E' la pura e semplice verità. Il vero depresso è quello che ha tutto dalla vita: è bello, ricco, intelligente ed ha un buon lavoro. Ed improvvisamente una mattina non ha più la forza di alzarsi dal letto, neanche per andare a pisciare.
Anche io la mattina riesco a malapena a lavarmi i denti ma perché so benissimo a cosa vado incontro, ad infinite giornate di merda chiuso in un ufficio dove sono a malapena tollerato. Alle infinite ed inutili visite mediche cui debbono sottoporsi i miei senza alcuna speranza di guarigione.
Ecco, io non sono depresso: sono stato sepolto da uno tsunami di sfiga, una cosa che sarebbe stata scandalosa se avesse colpito una nazione intera non un uomo solo.
Quindi, se permettete, ho un enorme rodimento di culo per cui niente storie sul bicchiere mezzo pieno, niente pacche sulla spalla o discorsi di circostanza.
Anzi il primo che si lamenta per quelle quattro cazzate che capitano a tutti nella vita, o perché la sua squadra del cuore non vince si prenderà dal sottoscritto tanti di quei sonori, roboanti e destabilizzanti "vaffanculo" che verranno registrati da tutti i sismografi della terra.
Come vedete sono piuttosto carico quindi evitate di mettermi alla prova.
Reagirò a tutta questa sfiga? Non lo so e a dirla tutta stasera non me ne frega un cazzo, perché ho capito finalmente di non essere depresso, ma incazzato nero.
Quindi da domani basta con la resilienza (roba da democristiani), col quieto vivere, con la paura di disturbare, di offendere.
Da domani si randella, pane al pane e vino al vino. La sfiga rimarrà intatta ma almeno sparirà la pletora di rompicoglioni che infestano la mia vita.
L'esercito di stronzi che hanno scambiato la mia educazione per debolezza.

Post popolari in questo blog

Lettera a mia zia

Cara Zia Cicci, anche quest'anno ti scrivo, con un po' di ritardo ma mi scuserai: la vita frenetica, il lavoro ed i pensieri mi hanno impedito di scriverti ieri, il 31 maggio, il giorno in cui ci hai lasciato. Perché ti scrivo, pur sapendo che mai potrai leggere queste poche righe? Un po' perché mi manchi da 41 anni, ma questo già lo sai. Un po' perché scrivendoti parlo a me stesso, e questo mi fa bene. In questi ultimi giorni non ho fatto altro che cercare notizie sulla data del 31 maggio 1971: magari, leggendo qualche vecchio articolo, mi torna in mente un episodio, un ricordo che mi parla di te. Ma per quanto mi sforzi, la memoria di quei giorni è impetuosa nei dettagli e contemporaneamente sbiadita nell'insieme. Fatico anche a ricordare il tuo viso vero e mi aggrappo a vecchie foto ingiallite dal tempo, illudendomi di riconoscere un sorriso, un espressione. Forse mi manchi perché te ne sei andata troppo presto ed in qualche modo ti ho idealizzato. Ma tu mi vol…

Emma e Diana

"Parole di Pane" è una bella iniziativa di Emma Saponaro e Diana Sganappa (in rigoroso ordine alfabetico). Come esse affermano nel loro blog si tratta della pubblicazione di "Un libro per dare voce a chi voce non ha". Vengono pubblicati piccoli racconti che hanno come oggetto il cibo nelle sue varie declinazioni ed i proventi delle vendite andranno a favore della "Associazione Familiari e Sostenitori Sofferenti psichici della Tuscia (A.fe.SO.psi.T)". Invito tutti i lettori del mio blog a frequentare il sito di "Parole di Pane" per sapere come acquistare il libro. Tra l'altro troverete al suo interno un mio racconto, dal titolo "Pane e Formaggio": avrete dunque il privilegio di poter leggere il primo componimento del sottoscritto, che sicuramente darà la stura ad una brillante carriera letteraria che farà impallidire il vasto panorama culturale italiano ed europeo. Sicuramente potrete acquistare il libro sabato 24 maggio alle 19:30…

Divieto di svolta a sinistra

Non sono d'accordo con quei commentatori politici che si sono affrettati a seppellire la "sinistra" italiana. Non è sparita affatto, sono soltanto stati cacciati via dal parlamento i "sinistri", ovvero la classe dirigente che ha combinato una serie inenarrabile di disastri. Come commentare il voto in favore dell'indulto? Anche il più sprovveduto dei politicanti si sarebbe accorto che quella legge serviva soprattutto a salvare le terga di Previti e dei furbetti del quartierino: gli strateghi della sinistra radicale hanno abboccato con tutte le scarpe, fingendo di credere che l'indulto avrebbe resole carceri meno affollate. Hanno perso il rapporto con la gente e con i lavoratori. Nel tentativo di capire come funziona la stanza dei bottoni (senza ovviamente riuscirci) si sono dimenticati di andare nelle fabbriche, nelle periferie disagiate, tra gli inquilini sfrattati dagli immobiliaristi. E al posto loro si sono insediati la Lega al nord e la Destra nel …