Passa ai contenuti principali

Il destino di Renzi

Certo che usciremo da questa crisi. L'incognita è quando e come. La storia dell'umanità è costellata da cicli politici ed economici che hanno vissuto fasi di crescita, prosperità e di irrefrenabile declino.
Sin dalle ere preistoriche l'alternarsi delle scoperte tecnologiche, il ferro ed il bronzo ad esempio, hanno determinato la fine di città e stati ritenuti eternamente invincibili. Così come le colonizzazioni e le invasioni hanno ribaltato, nel corso della storia, i rapporti di forza tra società antitetiche.
A questa legge non sta sfuggendo, né sfuggirà, la società industriale-capitalistica. E a nulla servirà ai potentati industriali e finanziari la ricerca di nuovi mercati, i cosiddetti mercati emergenti. In una società fortemente globalizzata ed interconnessa impiegheranno un tempo storicamente breve a saturarsi e ad accelerare il declino della società che noi oggi siamo abituati a conoscere.
Il nostro è un periodo storico e culturale di decadenza nel senso più ampio della parola. Siamo in grado, almeno la maggior parte delle persone dotate di sano intelletto, di percepire nettamente la fine inesorabile dell'attuale sistema, ma non abbiamo ancora tutte le armi culturali e tecnologiche per vedere cosa verrà a sostituirlo.
Tuttavia la constatazione della fine di un ciclo porta a delle considerazioni oggettivamente incontrovertibili. Per cercare di uscire dalla crisi occorre smettere di percorrere i sentieri battuti dalla economia e dalla politica morenti. In queste fasi bisogna evitare tutte quelle ricette e quelle scuole di pensiero che appartengono alla fase in declino, osando con coraggio ed ostinazione nuove strategie.
Occorre insomma avere una forte propensione verso le novità, le alternative economiche, politiche e sociali. Ovviamente il sistema morente tenterà in ogni modo di farle apparire come utopie irrealizzabili o soluzioni di minima portata, aiutati da una classe politica e giornalistica miope e connivente. Perché nessuna innovazione è priva di conseguenze e, soprattutto, tende a spazzare via quelle situazioni di rendita che con l'"ancient regime" hanno prosperato.
Ecco perché vanno segnalate con sospetto tutte queste false innovazioni che ci sta proponendo il governo Renzi. Basta guardare la direzione in cui è andato il pacchetto di riforme genericamente chiamato "Sblocca Italia".
Sono strategie antiche, come il ricorso alla cementificazione ed alla costruzione indiscriminata di case, quando il mercato ormai è saturo e la crisi spinge le banche a non erogare mutui.
Altro residuato politico è il ricorso alla costruzione di inceneritori. In questa visione i rifiuti urbani ed industriali vengono visti come uno scarto e non come delle risorse da riciclare tramite l'utilizzo spinto della raccolta differenziata e delle nuove tecnologie di recupero.
Dovremo aspettarci forti cambiamenti nel prossimo futuro, soprattutto i nostri figli ed i nostri nipoti. Spesso saranno cambiamenti difficili se non drammatici. Ma se fin da oggi avessimo una classe politica in grado di osare, un classe politica finalmente libera dalle pressioni della finanza e dalle forze oscure della malavita organizzata, potremmo affrontare i cambiamenti inesorabili con meno paure e timori.
Purtroppo non vedo in Renzi e nelle forze politiche che lo sostengono questo coraggio e questa autonomia. Vedo solo l'espressione di un sistema ormai in declino e che non si rassegna al destino ineluttabile della storia.

Post popolari in questo blog

Lettera a mia zia

Cara Zia Cicci, anche quest'anno ti scrivo, con un po' di ritardo ma mi scuserai: la vita frenetica, il lavoro ed i pensieri mi hanno impedito di scriverti ieri, il 31 maggio, il giorno in cui ci hai lasciato. Perché ti scrivo, pur sapendo che mai potrai leggere queste poche righe? Un po' perché mi manchi da 41 anni, ma questo già lo sai. Un po' perché scrivendoti parlo a me stesso, e questo mi fa bene. In questi ultimi giorni non ho fatto altro che cercare notizie sulla data del 31 maggio 1971: magari, leggendo qualche vecchio articolo, mi torna in mente un episodio, un ricordo che mi parla di te. Ma per quanto mi sforzi, la memoria di quei giorni è impetuosa nei dettagli e contemporaneamente sbiadita nell'insieme. Fatico anche a ricordare il tuo viso vero e mi aggrappo a vecchie foto ingiallite dal tempo, illudendomi di riconoscere un sorriso, un espressione. Forse mi manchi perché te ne sei andata troppo presto ed in qualche modo ti ho idealizzato. Ma tu mi vol…

Emma e Diana

"Parole di Pane" è una bella iniziativa di Emma Saponaro e Diana Sganappa (in rigoroso ordine alfabetico). Come esse affermano nel loro blog si tratta della pubblicazione di "Un libro per dare voce a chi voce non ha". Vengono pubblicati piccoli racconti che hanno come oggetto il cibo nelle sue varie declinazioni ed i proventi delle vendite andranno a favore della "Associazione Familiari e Sostenitori Sofferenti psichici della Tuscia (A.fe.SO.psi.T)". Invito tutti i lettori del mio blog a frequentare il sito di "Parole di Pane" per sapere come acquistare il libro. Tra l'altro troverete al suo interno un mio racconto, dal titolo "Pane e Formaggio": avrete dunque il privilegio di poter leggere il primo componimento del sottoscritto, che sicuramente darà la stura ad una brillante carriera letteraria che farà impallidire il vasto panorama culturale italiano ed europeo. Sicuramente potrete acquistare il libro sabato 24 maggio alle 19:30…

Divieto di svolta a sinistra

Non sono d'accordo con quei commentatori politici che si sono affrettati a seppellire la "sinistra" italiana. Non è sparita affatto, sono soltanto stati cacciati via dal parlamento i "sinistri", ovvero la classe dirigente che ha combinato una serie inenarrabile di disastri. Come commentare il voto in favore dell'indulto? Anche il più sprovveduto dei politicanti si sarebbe accorto che quella legge serviva soprattutto a salvare le terga di Previti e dei furbetti del quartierino: gli strateghi della sinistra radicale hanno abboccato con tutte le scarpe, fingendo di credere che l'indulto avrebbe resole carceri meno affollate. Hanno perso il rapporto con la gente e con i lavoratori. Nel tentativo di capire come funziona la stanza dei bottoni (senza ovviamente riuscirci) si sono dimenticati di andare nelle fabbriche, nelle periferie disagiate, tra gli inquilini sfrattati dagli immobiliaristi. E al posto loro si sono insediati la Lega al nord e la Destra nel …