Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2013

Per il suo sorriso

In questi giorni schifosi, almeno dal punto di vista professionale, una cosa mi rende estremamente felice. Andrea sta bene. Non intendo fisicamente: mio fratello è un toro che nemmeno la broncopolmonite è riuscito a minare. In questi giorni Andrea sta bene psichicamente. E' sempre sorridente, interagisce con gli altri, persino con argomentazioni che hanno un minimo di complessità. Mi racconta quello che ha visto in TV, un abbozzo della trama di "Beautiful". Sghignazza davanti alle gaffes di "Paperissima" e segue assiduamente RadioCapitalTV, che passa in rotazione continua la musica degli anni 80, di quando era bambino, anche anagraficamente.Perché Andrea ama la musica sopra ogni cosa. Suona la chitarra ad orecchio senza mai sbagliare un accordo. Però non sa allacciarsi le scarpe e se gli chiedete quanto fa due più due vi guarda come se gli aveste parlato in arabo. Ma va bene così: lui mi sorride, mi abbraccia, mi parla. Ed io sono felice. Immensamente felice. …

Lettera a Zia Cicci. 31 maggio 2013

Cara zia Cicci, volevo scriverti la consueta lettera di saluto, come faccio tutti gli anni ogni 31 maggio, giorno in cui ci hai lasciato, 42 anni fa. Ma sono molto stanco e preoccupato, per cui mi perdonerai se, almeno per ora, mi limiterò a poche righe. Sono preoccupato per il mio futuro lavorativo, cara zia, perché nell'azienda dove lavoro non si fa altro che parlare di licenziamenti e mobilità. E si vive in una atmosfera di cupa precarietà che mi abbatte l'umore e la volontà. Sono stanco, zia Cicci mia, di questa insicurezza, di essere sballottato da un progetto ad un altro senza una minima continuità professionale, come se fossi un computer che può essere facilmente azzerato e riprogrammato in pochi minuti. Avrei voglia di un po' di tranquillità, almeno nell'ambito lavorativo, visto che purtroppo in quello familiare i problemi non mancano. Saranno giorni difficili per me quelli che sono da venire. Giorni in cui dovrò districarmi per capire materie ostiche, in un a…